Vito Accettura yoga - studi, laboratorio - lodi

PARLARE DEL SILENZIO

Invito alla lettura

Parlare del silenzio fa quasi sorridere perchè rappresenta un controsenso, nonostante tutto è utile farlo per entrare in contatto con questa fonte essenziale.

In questi periodi di forzata permanenza a casa capita a tutti di vivere dei momenti di intenso silenzio. 

Per alcuni il silenzio è vissuto come un evento minaccioso, dove non ci sono punti di riferimento mentre per altri il silenzio è un nettare dove ritrovarsi; per diverse tradizioni esperienziali il silenzio è la fonte di ogni cosa. 

Resta il fatto che il silenzio è tutto da scoprire ed il momento attuale quanto mai ci offre l'opportunità per entrare in questa sintonia anche attraverso la lettura.

Con tale supporto si è guidati a comprendere che il silenzio ha potenzialità per rivelarsi come un'arte, una dimensione, uno spazio da vivere pienamente, al di là delle parole.

E' così che ho pensato di presentarvi una serie di testi per prendere confidenza con il significato del silenzio, corredando i titoli con qualche spunto tratto dal retro di copertina.

--> Inizio questa breve presentazione con il testo IL DONO DEL SILENZIO (edizioni Garzanti); si tratta di una guida per sviluppare intuizioni profonde che vi portino ad amare il silenzio piuttosto che esserne intimiditi.

Nel contempo questa occasione è utile per conoscere un Maestro contemporaneo di grandissima levatura: Thich Nhat Hanh; è possibile che dopo questa lettura inizierete a studiare i tanti testi che che questo monaco Buddhista Vietnamita ci ha donato. 

Per questo non occorre ovviamente cambiare la propria fede e diventare Buddhisti: i suoi insegnamenti sono trasversali a diversi approcci spirituali e non.

" Viviamo alla continua ricerca della felicità e, nella corsa senza sosta per raggiungerla, non ci accorgiamo delle straodinarie meraviglie di cui è già ricco il mondo attorno a noi. Ogni giorno, ogni ora, ogni istante la Bellezza ci chiama ma raramente ci mettiamo in ascolto...Perchè per avvertire la sua voce e poterle rispondere è necessaria una condizione divenuta rara: il silenzio".

--> Altro testo interessante è "Il SILENZIO" di Erling Kagge (edizioni Einaudi) autore di un altro bestseller che consiglio vivamente di leggere:"CAMMINARE" (visto che ultimamente vi ho anche parlato di questo tema). 

Kagge, esplorando i posti più reconditi del pianeta, riporta nei sui scritti la testimonianza dei suoi viaggi e in questo saggio (che prende spunto da una conferenza per TedX del 2015 presso l'Università di Saint Andews in Scozia) cerca di rispondere a domande essenziali poste dal suo fedele compagno di avventure, il silenzio.

"Cercare il silenzio, Non per voltare le spalle al mondo, ma per osservarlo e capirlo. Perchè il silenzio non è un vuoto inquietante ma l'ascolto dei suoni interiori che abbiamo sopito..... Ma che cosa è il silenzio? Dove lo si trova? E perchè oggi è più importante che mai?"

Ecco altri interessanti testi che potete consultare (sono tutte edizioni tascabili con un prezzo contenuto): 

--> Di Chandra Livia Candiani "IL silenzio è cosa viva" L'arte della Meditazione Giulio Einaudi editore: testo molto profondo.

--> Di Duccio Demetrio "I sensi del silenzio" e Giampiero Comolli " Una luminosa quiete" entrambi edizioni Mimesis-Accademia del Silenzio: questi testi rappresentano un'analisi filosofica legata alla scrittura, alla Meditazione ed al contesto spirituale.

L'ordine con cui ho esposto questi testi è assolutamente casuale e non rappresenta un grado di valore: ognuno di essi rappresenta una perla. Come per tutti i libri ogni lettore potrà trovare delle parti che maggiormente risuonano con il proprio sentire o la propria ricerca. 

Naturalmente il tema proposto è fermamente legato allo Yoga dove la sospensione della parola non rappresenta una imposizione ma bensì una disponibilità.

Disponibilità all'ascolto, dove saper fare a meno di tutti i rumori inutili, specialmente quelli riferiti al rimurginio della mente, per arrivare a toccare uno stato più essenziale: quella quiete meditativa espressione di pace, equanimità, spaziosità che tutto avvolge ed accoglie senza commenti: lo stato di Yoga.  

Lo stato di Yoga non è qualcosa che "facciamo" ma una condizione dell'Essere a cui ci apriamo: il Silenzio è un punto d'incontro.

 

Non mi resta che augurarvi buona lettura con il mio più caro abbraccio.
Resto a vostra disposizione per una consulenza Yogica gratuita o per accogliere suggerimenti su modalità o supporti che vi siano utili per affrontare questo momento.
I miei contatti sono Whatsapp 349 4914197 oppure mail vito.accettura@gmail.com 
Consultate periodicamente gli aggiornamentui sulla pagina di SUPPORTO YOGICO clicca qui
 

 

« Torna all'archivio
Laboratorio Cultura Yoga di Vito Accettura

Tel 349 4914197

vito.accettura@gmail.com

Insegnamento dello Yoga, attività professionale disciplinata ai sensi della Legge 14/01/2013 n.4 (G.U. n.22 del 26/01/2013)